Intersezioni/Intersections
The cross-disciplinary vocation of urban history

Da quando è nata come ambito di studio riconosciuto, la storia urbana si è voluta interdisciplinare. È sulla scia di questa vocazione congenita ma problematica – in un mondo di crescenti specialismi e forti compartimentazioni accademiche – che l’AISU organizza un nuovo ciclo di seminari dottorali dedicati alla città come tema complesso, oggetto di sguardi che avrebbero tutto l’interesse a incrociarsi e interloquire. L’obiettivo è quello di sollecitare il dialogo fra le diverse discipline storiche che si confrontano con la dimensione urbana, aprendo la discussione su temi, risultati, prospettive di ricerche in corso o da poco concluse.

I seminari, organizzati in collaborazione con scuole e corsi di dottorato di varia collocazione disciplinare, seguono lo stesso formato: dopo un’introduzione di carattere metodologico/storiografico, saranno presentate una serie di relazioni selezionate in risposta a call for papers, per concludere la giornata con una tavola rotonda aperta ai soci. Gli incontri si tengono in modalità mista: relatori e partecipanti si riuniscono in presenza, i soci hanno la possibilità di intervenire a distanza. Gli interventi presentati a ciascun seminario saranno pubblicati – previa peer review – in una delle collane dell’AISU.

La città degli storici dell’arte
Napoli, mercoledì 29 maggio 2024

Il seminario si propone di analizzare l’interazione tra storia della città e storia dell’arte in maniera multidimensionale, considerando approcci e scale di indagine diverse sul lungo periodo e nel contesto globale.

The studio dell’arte in relazione alla storia urbana può essere inteso sia come indagine su fonti artistiche di vario tipo (mappe, vedute, dipinti, incisioni) utili a comprendere la città nelle sue stratificazioni storiche, sia delle opere d’arte antiche, medievali e moderne e contemporanee che per loro natura sono state concepite o allestite con una dimensione urbana (ad esempio fontane, sculture di dimensione colossale e non), o per essere elementi chiave di “programmi” o di allestimenti effimeri all’interno di processi di auto-rappresentazione. In altri casi le opere d’arte o artefatti possono aver svolto il ruolo di agenti che attivino trasformazioni urbane o essere state utilizzate per enfatizzare l’autorità politica e giuridica di spazi fluidi (come ad esempio Bona di Modena, il leone di Bari) o “dare voce” ai cittadini (il Pasquino di Roma o altri pasquini). Incrociando opere d’arte e i luoghi della città è possibile inoltre portare luce sulla vita politica e amministrativa in spazi formali e informali o riconoscere aspetti della vita nelle strade, come ad esempio affinità e conflitti tra poteri o fazioni diverse.

Call for Papers

È aperto il call for papers per proposte di intervento su qualsiasi argomento ritenuto coerente con le coordinate di cui sopra, in qualsiasi contesto peninsulare, europeo o globale. Nel selezionare le proposte pervenute il comitato scientifico darà tuttavia la precedenza agli studi presentati in chiave comparativa e tali da suscitare interessi di carattere trasversale. Possibili spunti:

  • la rappresentazione della città attraverso mappe, vedute, o modelli come opere autonome o riconoscibili all’interno di opere d’arte più articolate
  • l’uso e/o il ruolo dell’arte nei processi di trasformazione urbana
  • la collocazione strategica di opere o spolia negli spazi pubblici, come piazze, angoli, incroci, ma anche all’esterno di edifici civici e religiosi
  • l’arte come elemento della topografia politica, che conferisce autorità amministrativa e giuridica a determinati luoghi della città o risulta utile a definire una nuova geografia della sfera pubblica
  • l’uso di opere d’arte come elementi della “street life”, così come viene raccontata da fonti iconografiche, ma intesa anche come opere d’arte che testimoniano pratiche legate alla vita quotidiana o amministrativa di una città

Si prenderanno in considerazione anche paper che affronteranno temi quali il ruolo dell’arte nella fragilità del territorio, il patrimonio a rischio, o il concetto di “programma” iconografico o visuale, sempre in relazione alla sfera urbana.

Proposals must be sent to the Scientific Committee by e-mail (segretario@aisuinternational.netsegretario@aisuinternational.net) by the deadline of 25 February 2024, corredate di titolo, breve abstract (max 1000 car.) e curriculum vitae dell’autore (max 1000 car). L’accettazione sarà comunicata entro il 29 February 2024..

PARTICIPATION FEES

La partecipazione ai seminari è riservata ai soci dell’AISU in regola con il pagamento delle quote d’iscrizione.

DEADLINES

  • • Opening of the call for papers 6 February 2024
  • • Closure of the call for papers 25 February 2024
  • Notifica dell’accettazione delle proposte 29 February 2024

Organizers

Bianca de Divitiis, Università di Napoli Federico II
Marco Folin, University of Genoa

Scientific Board

Bianca de Divitiis, Università di Napoli Federico II
Alfredo Buccaro, Federico II University of Naples
Giovanni Cristina, Università Roma Tre
Cristina Cuneo, Politecnico di Torino
Marco Folin, University of Genoa
Andrea Longhi, Politecnico di Torino
Andrea Maglio, Università di Napoli Federico II
Elena Manzo, Università della Campania Luigi Vanvitelli
Luca Mocarelli, Università di Milano Bicocca
Heleni Porfyriou, CNR-ISPC
Marco Pretelli, University of Bologna
Massimiliano Savorra, Università di Pavia
Donatella Strangio, Sapienza Università di Roma
Elena Svalduz, University of Padua
Ines Tolic, University of Bologna
Stefano Zaggia, Università di Padova